home
 
Italiano English
 
Tebaldi

2008

 

First

Antonio Manganelli

Antonio Manganelli è nato ad Avellino, sposato e con una figlia liceale, ha percorso le tappe più importanti della sua carriera nella Polizia di Stato a fianco all’ex capo della Polizia, Gianni De Gennaro e dal 25 giugno 2007 è il Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.
Era ancora molto giovane quando, proprio con De Gennaro, diventa uno degli investigatori di punta di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in Sicilia.
In quegli anni spiccano la cattura del boss Tommaso Buscetta in Brasile e poi le grandi inchieste di mafia che porteranno al maxiprocesso contro i boss di Cosa Nostra.
Tra gli incarichi ricoperti, quello di responsabile del Servizio Centrale di Protezione dei collaboratori di giustizia, che ha contribuito a riorganizzare con intelligente sensibilità in riferimento alla delicata materia.
E’ stato questore a Palermo e poi a Napoli. Arriva nel 2000 la nomina del Consiglio dei Ministri a prefetto di prima classe, con l’incarico di direttore centrale della Polizia Criminale e vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza con funzioni vicarie.
Laureato in Giurisprudenza a Napoli, è specializzato in Criminologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Modena.
E’ stato docente di “Tecnica di Polizia Giudiziaria” all’Istituto Superiore di Polizia ed è autore di pubblicazioni scientifiche in materia di sequestri di persona e di tecnica di polizia giudiziaria, tra cui, di recente, il manuale pratico delle tecniche di indagine “Investigare” (Cedam), scritto con il prefetto Franco Gabrielli, già direttore del Sisde.
Ha fama di grandissimo lavoratore, uno che non si è mai tirato indietro, a Natale o a Ferragosto.

Motivazioni del Premio

Il premio è stato attribuito quale sentito omaggio ad un servitore dello Stato che ha sempre perseguito con costanza e fermezza la difesa dei principi democratici della nostra Repubblica, l’abnegazione nei confronti delle Istituzioni, l’affermazione di lealtà, di integrità morale, di dedizione e di solidarietà.
Testimonianza significativa del modo in cui un figlio del Sud possa essere portatore e divenire fulgido esempio di diffusione di alta e concreta cultura della giustizia, grazie anche alla profonda umanità e correttezza che hanno sempre caratterizzato il suo operato.
La sua intensa attività ha promosso non solo la lotta alla criminalità, ma la cultura della legalità marcando profondi progressi nell’insegnamento e nelle capacità di trasmettere ai giovani interesse e passione per la ricerca della verità riponendo in loro grandi aspettative per il futuro, con un impegno costante volto all’umanizzazione dell’attività di Polizia.

manganelli

Da sinistra: Laura Spanò, presentatrice – Francesco Bambina, Presidente Associazione Amici della Musica di Alcamo - Dott. Giuseppe Gualtieri, Questore di Trapani che ritira il premio per il Capo della Polizia Antonio Manganelli - Giacomo Scala, Sindaco di Alcamo e Mimmo Turano, Presidente della Provincia Regionale di Trapani


manganellimanganellimanganelli


Amici della Musica
Per informazioni: Associazione “Amici della Musica”
Via F.lli S. Anna, 77 - 91011 Alcamo (TP) -Tel. +39 0924 505744 - Fax +39 0924 1916611 - Cell. +39 338 2308885

VoIP “Skype”: amicidellamusicaalcamo
info@amicimusicaalcamo.it
Partita Iva 01374350815